Stampa
Categoria: 2000
Visite: 6924

Tipologia: CIA
Data firma: 20 settembre 2000
Validità: 31.12.2003
Parti: Maia/Confcommercio e Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, RSU
Settori: Commercio, Maia
Fonte: filcams.cgil.it

Sommario:

  Premessa
Titolo I - Relazioni sindacali
Art. 1 Diritti di informazione e verifica a livello Nazionale
Art. 2 Diritti di informazione e verifica a livello territoriale e per filiale
Art. 3 Ruolo e compiti a livello Nazionale
Art. 4 Ruolo e compiti a livello territoriale/filiali
Titolo II - Diritti sindacali
Art. 5 Funzionalità delle RSU
Art. 6 Agibilità sindacali
Art. 7 Scissione d’azienda
Titolo III - Premio di risultato
Art. 8 - Parte istitutiva del premio di risultato
Art. 9 - Parte generale del premio di risultato
Art. 10 - Indicatore generale - Budget di fatturato
Art. 11 - Indicatore locale - Giorni medi di incasso - (GMI)
Art. 12 - Indicatore locale - Sospeso ordini di lavoro - (SOL)
  Art. 13 - Analisi del premio e ruolo delle parti
Art. 14 Premio di risultato per l’anno 2000
Art. 15 Premio di assiduità
Titolo IV - Professionalità e formazione

Art. 16 Commissione percorsi professionali
Art. 17 Formazione aziendale
Art. 18 Formazione RSU
Titolo V - Indennità

Art. 19 Indennità di mensa
Art. 20 Indennità di trasferta
Art. 21 Reperibilità
Art. 22 Norme di sicurezza
Art. 23 Norme di copertura rischi per le trasferte
Titolo VI - Orario di lavoro e sistemi di flessibilità
Art. 24 Nastro orario banco ricambi e magazzino
Art. 25 Modello di orario per gruppi e per competenze
Art. 26 Settimana lavorativa dal martedì al sabato
Art. 27 Decorrenza e durata
Allegati

Contratto Integrativo Aziendale

Il giorno 20 09 2000, tra la Maia spa […], assistiti da […] Confcommercio da una parte e dall’altra dalle OOSS Nazionali […] Filcams - Cgil, […] Fisascat - Cisl, […] Uiltucs - Uil, unitamente alle strutture territoriali e i delegati facenti parte della rappresentanza delle RSU - Maia spa, è stato raggiunto il seguente accordo.

Premessa
Il presente Contratto Integrativo Aziendale (CIA) tiene in considerazione i fattori di cambiamento derivanti dall’evoluzione tecnologica in atto che impone alta capacità professionale e applicazione della stessa con quella flessibilità che il mercato richiede e che il CCNL ha già contemplato.
Le parti concordano che solo prevedendo le variazioni del mercato e preparando le relative risposte, organizzative e formative, si può tendere all’eccellenza dei servizi da erogare alla clientela, per la soddisfazione della stessa e per i successi dell’azienda.
Le parti convengono, inoltre, che la valorizzazione delle risorse umane, a cui è stata dedicata buona parte della discussione contrattuale, assume rilevanza fondamentale e determinante per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Titolo I - Relazioni sindacali
Art. 1 Diritti di informazione e verifica a livello Nazionale

Al fine di favorire lo sviluppo di relazioni positive, semestralmente (Maggio - Giugno / Novembre - Dicembre) tra la Direzione Aziendale e le Segreterie Nazionali Filcams - Cgil, Fisascat - Cisl, Uiltucs - Uil unitamente alle strutture territoriali e alle RSU, si terranno incontri di informazione, secondo quanto stabilito dal presente titolo.
A livello Nazionale gli incontri verteranno in termini preventivi e consuntivi sulle seguenti tematiche:
1. strategie aziendali;
2. programmazione e sviluppo degli investimenti;
3. dati occupazionali divisi per tipologie - geografiche - professionali - inquadramenti;
4. ore lavorate ordinarie e straordinarie ripartite per singole unità;
5. formazione preventiva e consuntiva;
6. eventuali riorganizzazioni e/o ristrutturazioni;
7. organigramma aziendale;
8. bilancio aziendale completo;
9. quanto definito dal CCNL del Terziario;
10. quanto previsto al titolo III del presente CIA in tema di premio di risultato.

Art. 2 Diritti di informazione e verifica a livello territoriale e per filiale
Incontri a cadenza semestrale da tenersi tra la Direzione Aziendale e le strutture territoriali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil e le RSU locali della singola filiale sulle seguenti tematiche:
1. dati previsti sulle tematiche dell’art. 1 disaggregabili;
2. situazione di mercato e suoi effetti;
3. organizzazione del lavoro;
4. verifica accordi (CCNL/CIA) per le competenze territoriali;
5. composizione organici disaggregati per: full-time, part-time, contratti di formazione e lavoro, contratti a tempo determinato, apprendistato, suddivisi tra personale maschile e femminile;
6. interventi effettuati per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro (Dlgs 626/94 e successivi) e relativi incontri con i RLS;
7. programmi di formazione preventivi e consuntivi;
8. quanto previsto in tema d’orari di lavoro agli artt. 24 e 25 del presente CIA.
In merito al diritto di informazione previsto agli Art. 1 e 2 l’Azienda si impegna a convocare preventivamente le parti qualora si verificassero cambiamenti organizzativi/tecnologici che abbiano riflessi sull’organizzazione del lavoro e/o sull’occupazione.
I dati potranno essere forniti preventivamente in forma scritta.
Il diritto di informazione potrà subire deroghe qualora vi siano reali motivi di riservatezza.

Art. 3 Ruolo e compiti a livello Nazionale
Le Federazioni nazionali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil assistiti dalle strutture territoriali e dalle RSU sono titolari:
. della contrattazione integrativa aziendale, unitamente alle RSU;
. dell’esercizio del diritto di informazione a livello nazionale;
. del coordinamento delle azioni sindacali conseguenti l’applicazione degli accordi nazionali
aziendali.

Art. 4 Ruolo e compiti a livello territoriale/filiali
Oltre le materie demandate dal CCNL le segreterie territoriali e le RSU delle singole filiali, qualora una delle parti ne ravvisi la necessità, effettueranno confronti in merito alle seguenti materie:
. applicazione CCNL/CIA;
. organizzazione del lavoro;
. iniziative riguardanti l’ambiente, la salute e la sicurezza dentro e fuori l’ambiente di lavoro.

Titolo II - Diritti sindacali
Art. 6 Agibilità sindacali

Si conferma quanto stabilito in materia dal CCNL del terziario e dagli accordi sindacali aziendali del 06/10/95 e 28/11/ 97 allegati al presente CIA di cui ne fanno parte integrante (Alleg. 1 e 2)

Titolo V - Indennità
Art. 22 Norme di sicurezza

La sicurezza sul posto di lavoro è una costante priorità aziendale; la cultura della sicurezza è l’argomento quotidiano di tutti i reparti aziendali, in tale occasione si da atto al contributo dato in materia dai RLS.
L’azienda continuerà ad investire sia nelle realizzazioni concrete che nella formazione del personale, in modo particolare verso coloro che svolgono attività lavorativa anche presso i cantieri della clientela.

Titolo VI - Orario di lavoro e sistemi di flessibilità
Art. 24 Nastro orario banco ricambi e magazzino

L’Azienda, al fine di migliorare il servizio alla clientela, nell’ottica di una maggiore disponibilità della distribuzione ricambi, anticipando eventuali azioni della concorrenza, manifesta l’esigenza di attuare dall’1.6.2000 un ampliamento del nastro orario del banco ricambi e magazzini - comune a tutte le filiali - attraverso l’utilizzo da parte del personale preposto di orari di lavoro sfalsati e sovrapposti […]
Le OO.SS. Nazionali prendono atto di tale esigenza dichiarando che la stessa è compatibile rispetto alle tendenze di mercato con particolare riferimento alle attività organizzative concorrenziali delle aziende del settore.
A livello territoriale si conviene che le parti si confronteranno per dare pratica attuazione al nuovo nastro orario, verificandone eventuali ricadute.
Il presente orario rappresenta un modello di massima, lo stesso ha natura sperimentale con verifica semestrale.
[…]