Stampa
Categoria: 1996
Visite: 5719

Tipologia: Accordo
Data firma: 7 novembre 1996
Parti: Collegio Costruttori Edili, Associazione Lombarda Coop. Prod. Lav., Unione Mantovana Cooperative, Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal-Uil
Settori: Edilizia, Edili e affini, Mantova
Fonte: spaemn.org

Sommario:

 

Finalità

 

Consiglio di Amministrazione


Il giorno 7 novembre 1996 presso la sede del Collegio Costruttori Edili della Provincia di Mantova si sono incontrati: il Collegio Costruttori Edili - Mantova […], l'Associazione Lombarda Coop. Prod. Lav - Mantova […], l'Unione Mantovana Cooperative - Mantova […], la Fillea Cgil - Mantova […], la Filca Cisl - Mantova […], la Feneal Uil - Mantova […], per proseguire l'esame delle tematiche derivanti dal D.Lgs 626/94, con particolare riferimento alla costituzione dell'Organismo Paritetico Provinciale.
Dopo ampia discussione, è stato convenuto quanto segue:
in applicazione di quanto previsto dall'art. 20 del D.lgs 626/94, il Comitato Paritetico Territoriale (CPT) per la prevenzione infortuni, l'igiene e l'ambiente di lavoro assume i compiti e le funzioni dell'Organismo Paritetico Provinciale (indicato con la sigla OPP).

Finalità
Dallo Statuto, art. 1
È costituita in Mantova la "Scuola Provinciale Apprendisti Edili" creata a norma del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per gli addetti all'industria edilizia e affini, con lo scopo di provvedere:
All'istruzione professionale come mezzo essenziale per la formazione delle maestranze edili, per affinare e perfezionare le capacità tecniche delle stesse, per migliorare e aumentare il loro rendimento nella produzione;
All'attuazione di iniziative intese all'istruzione della categoria in generale e per maggior sviluppo civico e sociale dei lavoratori del settore.
Dallo Statuto, art. 2
Le finalità di cui al precedente articolo vengono perseguite mediante corsi, cui sono ammessi tutti i giovani, occupati o disoccupati, che ne facciano espressa domanda secondo le norme stabilite dal Consiglio di Amministrazione della Scuola. Nell'ammissione ai corsi sarà data preferenza, in via di massima, agli operai del settore edile. I corsi comprendono lezioni teoriche e pratiche e possono essere di diverso grado.

Consiglio di Amministrazione
La Scuola è retta da un Consiglio di Amministrazione composto da 22 membri così designati:
quattro nominati dal Collegio Costruttori Edili e Affini della provincia di Mantova;
tre nominati dall'Unione Provinciale degli Artigiani;
tre nominati dall'Associazione Lombarda Cooperative Produzione Lavoro e dall'Unione Provinciale Cooperative della Provincia di Mantova;
uno, nominato dalla Federazione Nazionale Artigiani Edili aderente alla Confederazione Nazionale dell'Artigianato - sezione di Mantova;
undici, dalle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori di Mantova.
Le Organizzazioni rappresentate nel Consiglio di Amministrazione hanno la facoltà di nominare, per ciascun rappresentante "effettivo", anche un supplente, che interverrà alle riunioni in caso di impedimento del membro effettivo.
Il Presidente è nominato dal Consiglio di Amministrazione e resta in carica per la durata del Consiglio stesso. Esso verrà scelto fra i rappresentanti dei datori di lavoro su designazione del Collegio Costruttori Edili ed Affini. Il Presidente ha la rappresentanza giuridica della Scuola, provvede alla firma di tutti gli atti della medesima e convoca il Consiglio di Amministrazione presiedendone le adunanze. Sovraintende alla applicazione delle presenti norme e all'attività generale della Scuola, e dà esecuzione alle deliberazioni del Consiglio stesso.
Il Consiglio nomina altresì un Vice Presidente al quale sono affidate le attribuzioni del Presidente in caso di mancanza o impedimento di quest'ultimo. Egli sarà scelto fra i rappresentanti dei lavoratori, in rotazione, fra i designati delle rispettive Organizzazioni.